Marketing territoriale

Il marketing territoriale in Italia è un lavoro poetico.
Per farlo, si attinge alla bellezza e si crea valore attorno alle potenzialità di una località, la si valorizza attraverso la comunicazione e la si promuove con gli strumenti di marketing, per offrirla ai nostri turisti – italiani e stranieri – pronta per essere vissuta.

 

Con il servizio di Marketing Territoriale, o destination marketing, faremo leva sugli aspetti strategici, sui punti di forza e sugli aspetti meno noti di una destinazione, mettendo in luce le esperienze turistiche. Sì, sono proprio queste a far toccare con mano l’essenza di un luogo: sono strettamente legate all’identità di un territorio, spesso sconosciute e introvabili altrove, talvolta tramandate come un segreto.

Ecco qualche esempio di esperienze turistiche:

 

la caccia alle porticine del vino a Firenze; la passeggiata con l’asino – lungo una ferrovia dismessa – sui monti Iblei, in Sicilia; la famiglia nobiliare che apre le porte del suo palazzo e accompagna gli ospiti nella visita raccontando, in modo unico e inaspettato, la storia che ha attraversato quelle mura.

Il marketing territoriale è per te se

  • Sei un’associazione o una PA e vuoi attrarre più turisti, o turisti diversi
  • Sei un hotel e vuoi dare qualcosa di unico e memorabile ai tuoi ospiti
  • Vuoi creare un collegamento tra pubblico e privato
  • Vuoi valorizzare l’identità del tuo territorio

Con il marketing territoriale puoi

  • Individuare e mettere in luce gli aspetti esclusivi che ti differenziano 
  • Rendere più attrattivo il territorio che ti circonda
  • Sviluppare una narrazione (storytelling) efficace
  • Promuovere, contemporaneamente, sia il territorio che l’hotel.

Comunicazione e marketing sono gli strumenti che metto a disposizione di hotel, associazioni e Pubblica Amministrazione per fare emergere l’identità del proprio territorio e differenziarsi attraverso le esperienze turistiche.

 

Qui trovi i punti principali su cui si concentra la mia consulenza in marketing territoriale. Possiamo iniziare un progetto da zero, o lavorare su uno solo di questi punti.

MARKETING TERRITORIALE IN 2 FASI

1. Indagine  e ricerca

L’indagine preliminare

Serve a capire quali sono le vocazioni naturali del tuo territorio e le sue potenzialità, anche quelle ancora inespresse. L’indagine serve anche a valutare come è composta, al momento, l’offerta turistica locale e come sono organizzate le informazioni, sia su internet che nei punti di informazione.

 

La ricerca o creazione delle esperienze turistiche

Accade spesso che le attività esperienziali non siano per nulla conosciute.
Fare ricerca attraverso il web, le interviste agli hotel e il coinvolgimento della Pubblica Amministrazione, è il modo migliore per individuarle o, addirittura, crearle.

2. Marketing e comunicazione

Sviluppo della strategia 

Orientarsi e prendere decisioni oculate, dal punto di vista del budget e del ritorno dell’investimento, non è una cosa semplice. Per questo pianifico una strategia di marketing e comunicazione di medio-lungo periodo e gestisco tutte le fasi, monitorando i risultati. 

 

Le possibilità che ci offre oggi il marketing online sono molte: social media, pubblicità su Google ed e-mail marketing, solo per citarne alcune. Anche la comunicazione può riguardare diversi aspetti, dal restyling del logo e dell’immagine coordinata a una nuova identità verbale. Potrei andare avanti ore elencandoti di tutto, ma a cosa servirebbe?
Iniziamo piuttosto da te: analizziamo i tuoi dati e il tuo contesto, poi valutiamo insieme cosa è giusto fare nel tuo caso.

 

Testi e immagini

Tutto il materiale raccolto su cosa fare e vedere sul territorio e sulle attività esperenziali deve poi passare attraverso la scrittura. Una scrittura empatica, emozionale, che sappia parlare ai turisti, sia italiani che stranieri, e che faccia venire voglia di dire “sì, questo posto fa per me”.
Un racconto che, scheda dopo scheda, passa anche attraverso le immagini: non stock, non patinate, ma foto umane, fatte dalle persone, per le persone.

 

È il momento di rivedere il sito web 

Facile da navigare da tutti i dispositivi, chiaro nei concetti, bello e accattivante. Il sito deve essere concepito seguendo quest’ordine. Non si può sbagliare un colpo, non si può improvvisare. In gioco c’è la credibilità di un territorio intero e delle aziende turistiche che vi lavorano. 

 

L’ottimizzazione SEO

Tutto il lavoro fatto fino ad ora va messo a disposizione dei turisti. Per farlo, non basta essere online, ma bisogna che ogni pagina del sito, ogni scheda esperienza, con i suoi testi e immagini, venga “ottimizzata” per essere indicizzata su Google. Così puoi farti trovare, più facilmente e più spesso, senza pubblicità.

E POI?

E poi ci vuole tempo. I progetti di marketing territoriale si fanno sempre a medio-lungo termine. Tra i 12 e i 24 mesi, di solito. Più o meno il tempo che ci vuole a produrre il Parmigiano Reggiano. 

Come consulente di marketing territoriale, seguo tutte le fasi del progetto, consegnandoti:

  • Il report sull’indagine preliminare
  • Gli esiti della ricerca sulle esperienze
  • La strategia di marketing e comunicazione
  • Le chiavi della parte più bella e tangibile del mio lavoro:
    • testi e immagini davvero sfiziosi e SEO-oriented
    • un sito ben fatto, facile da navigare, chiaro nei concetti
    • ciò a cui avremo deciso di lavorare nella strategia di marketing.

Due esempi di marketing territoriale a cui ho lavorato

#CcomeEden, blog tour in Sicilia, 2015

Per la catena alberghiera di Eden Viaggi, ho lavorato alla ricerca delle esperienze sul territorio intorno a Licata: una zona quasi sconosciuta dal punto di vista turistico e, apparentemente, priva di attrazione. E invece ho trovato un patrimonio grezzo, lì, che aspettava solo di essere scovato. I blogger che hanno partecipato al blog tour ne sono rimasti entusiasti. Qui il racconto per immagini.

Youtooscany.com sito di promozione turistica di Fiesole, 2013-2016

Questo progetto, vincitore di un bando della Regione Toscana, ha previsto il coinvolgimento delle imprese del territorio (principalmente gli hotel) per fare emergere le attività esperienziali. Io e il team MaTE’ ci siamo occupati del restyling del sito, dell’immagine coordinata e dell’ottimizzazione SEO dei contenuti.

Vuoi lavorare al Marketing Territoriale?

Parti con un’ora di consulenza su Skype